Angeli

Da Ufopedia.

(Differenze fra le revisioni)
 
Riga 12: Riga 12:
Le raffigurazioni degli angeli di età più remota risalgono alla antica civiltà degli [[Ittiti]].
Le raffigurazioni degli angeli di età più remota risalgono alla antica civiltà degli [[Ittiti]].
-
Gli angeli sono al servizio del bene. In [[ufologia]] si pensa che siano alieni positivi (tipo [[alieni nordici]], [[anunnaki]] e [[siriani]). Questo perchè le popolazioni primitive classificavano come angeli gli esseri superiori (dalla grande magia-tecnologia) benefici e come [[demoni]] quelli che si erano dimostrati malevoli.
+
Gli angeli sono al servizio del bene. In [[ufologia]] si pensa che siano alieni positivi (tipo [[alieni nordici]], [[anunnaki]] e [[siriani]], vedi [[cristianesimo]], [[ebraismo]] e [[islam]]). Questo perchè le popolazioni primitive classificavano come angeli gli esseri superiori (dalla grande magia-tecnologia) benefici e come [[demoni]] quelli che si erano dimostrati malevoli.
Gli [[Arconti]] sono un livello superiore, grigio (50% buoni 50% cattivi) per cui sono sia angeli che demoni.
Gli [[Arconti]] sono un livello superiore, grigio (50% buoni 50% cattivi) per cui sono sia angeli che demoni.

Versione attuale delle 10:35, 15 ago 2019

L'Annunciazione - L'angelo Gabriele annuncia a Maria la nascita di Gesù (El Greco, 1575).

In molte tradizioni religiose, un angelo è un essere spirituale che assiste e serve Dio.

Il termine ha origine dal latino angelus, a sua volta derivato dal greco ἄγγελος, ánghelos, che significa inviato, messaggero.

In inglese angelo è usato anche per אביר, abbir (lett. "potente" nel Salmo 78,25), per אלהים, Elohim (lett. "Divinità" nel Salmo 8,5), e per l'oscuro אלהים, shin'an nel Salmo 68,17.

La parola ebraica più simile ad angelo è מלאך, mal'ach, che ha il medesimo significato.

Per gli induisti sono i Deva.

Le raffigurazioni degli angeli di età più remota risalgono alla antica civiltà degli Ittiti.

Gli angeli sono al servizio del bene. In ufologia si pensa che siano alieni positivi (tipo alieni nordici, anunnaki e siriani, vedi cristianesimo, ebraismo e islam). Questo perchè le popolazioni primitive classificavano come angeli gli esseri superiori (dalla grande magia-tecnologia) benefici e come demoni quelli che si erano dimostrati malevoli.

Gli Arconti sono un livello superiore, grigio (50% buoni 50% cattivi) per cui sono sia angeli che demoni.

Indice

Nello Zoroastrismo

Nello Zoroastrismo vi sono differenti esseri simili agli angeli. Ad esempio, ogni persona ha un angelo custode, chiamato Fravashi. Essi assistono gli esseri umani e le altre creature, oltre a manifestare la potenza divina. Anche gli Amesha Spenta sono spesso ricordati come angeli (sebbene non siano latori di messaggi agli uomini), anche se essi sono piuttosto emanazioni di Ahura Mazda ("Signore Sapiente", Dio). Essi compaiono in modo astratto nel pensiero religioso di Zarathustra e più tardi (durante il periodo achemenide dello Zoroastrismo) si personalizzano e sono associati a un aspetto della creazione divina (fuoco, piante, acqua, magia, e altro).

Nell'Ebraismo

Il nome biblico per "angelo", מלאך ("malak"), acquista il più tardo significato di "angelo" solo in connessione col nome di Dio, ad esempio "angelo del Signore", o "angelo di Dio" (Zaccaria 12:8). Altre espressioni sono "figli di Dio", (Genesi 6:4; Giobbe 1:6; Salmi 89:6) e "Suoi santi" (Zaccaria 14:5).

Si crede che gli Angeli siano stati creati da Dio nel secondo giorno. Molti angeli possono essere creati o essere cancellati. Un angelo non può compiere più di una missione nello stesso momento e uno stesso angelo può essere addetto a più missioni e questo benché vi siano caratteristiche precise per ciascuno di essi; vi sono poi angeli distruttori, angeli misericordiosi ed angeli della giustizia: spesso i primi vengono associati alla Giustizia divina. Esistono ordini, classi e schiere a capo delle quali viene distinto un angelo principale. Spesso l'anima di alcuni uomini, se degni, può essere superiore a quella degli angeli: gli angeli definirono Mosè Moshè Rabbèinu, espressione ebraica tradotta in Moshè Nostro Maestro.

Secondo le interpretazioni dell'Ebraismo, il plurale Elohim (pluralis maiestatis usato talora per indicare senz'altro l'unico vero Dio) viene impiegato talora in riferimento agli angeli, chiamati bnēi 'Elohim o bnēi Elim, anche se in altre occasioni tali espressioni sono usate per riferirsi ai Giudici: il termini italiano che traduce la parola ebraica E-lohim è anche dei, concetto che esprime il ruolo di essi come principi celesti.

L'Universo, secondo gli Ebrei, è abitato da due categorie di esseri: gli angeli e gli esseri umani. Molte notizie sugli angeli si trovano nell'insegnamento dei rabbini, l'angelologia non è creazione di esso. Una corte celeste, con Dio Re e un esercito di ministri attorno a Lui, si trova descritta nella Bibbia e gli angeli vengono citati quali servi dell'Altissimo. Il motivo fondamentale dell'angelologia rabbinica non è quello di trovare intermediari tra Dio e il mondo, poiché non vi è bisogno di tali intermediari. Il vero scopo di essa era la glorificazione di Dio. Quindi il compito primario degli angeli, per gli ebrei, è quello di onorare Dio, ma anche di portare messaggi agli uomini dotati del grado della Profezia; non svolgono, quindi, una funzione di intercessione per gli uomini, ma di presentazione agli uomini della volontà di Dio. Ognuna delle 70 Nazioni esistenti e descritte nel Tanakh possiede un Principe angelico stretto ad essa tranne il popolo d'Israele direttamente sotto il Governo divino. Accanto ad ogni persona stanno due angeli, uno appartenente all'ordine degli angeli distruttori e l'altro dalla parte della Misericordia.

Molti sono i casi di visione degli stessi ad occhio nudo: l'esegesi ebraica afferma che la cecità del terzo patriarca del popolo d'Israele Yaakov era dovuta all'intensità della luce degli angeli spesso descritti come composti di acqua e fuoco celesti usando per la sostanza celeste degli angeli anche la metafora di tizzoni ardenti e di fulgori e bagliori. Esistono due livelli di visione degli angeli: il primo e più alto riguarda la visione di essi nella forma assunta di uomini, il secondo permette di intravederne unicamente la luce celeste. Ad esempio di ciò sono Avraham, del primo livello, e Lot che poteva intravederne le fattezze celesti più semplici.

Esistono poi dei veri e propri palazzi superiori o degli abissi dove sostano alcuni angeli ad essi preposti; esistono poi gli Heikaloth, palazzi celesti il cui accesso è permesso al mistico ebreo solo quando egli sappia fornire le chiavi dei nomi divini analoghe ad essi.

Gli angeli non possono ribellarsi alla volontà divina in quanto direttamente legati ad essa e perché mancanti del libero arbitrio.

Nel Cristianesimo

Scuola del Basso Reno, Sacra famiglia con angeli, 1425 circa, Berlino Gemäldegalerie
Guido Reni, San Michele arcangelo caccia Lucifero, Chiesa di Santa Maria Immacolata a Via Veneto.
L'Angelo della Resurrezione - opera dello scultore Giulio Monteverde - è una delle più conosciute opere scultoree riguardanti figure angeliche. Cimitero monumentale di Staglieno, a Genova.

Nel Cattolicesimo gli angeli sono creature di Dio spirituali, incorporee ma personali (dotate di intelligenza e volontà propria) e, tra gli esseri visibili, sono quelli con il più alto grado di perfezione.

La loro esistenza è una verità di fede confermata dalla Sacra scrittura e dalla tradizione cattolica. Secondo una definizione di sant'Agostino il termine angelo non definisce l'essere della creatura bensì l'ufficio o il compito assegnato da Dio.

Nella Chiesa cattolica gli angeli assumono una dimensione fortemente cristologica. Essi annunciano Cristo, lo servono, ne sono messaggeri, sono creati fin dalla loro origine in funzione del suo regno.

Gli angeli hanno anche la funzione di assistere e proteggere la Chiesa e la vita umana, per questo vengono invocati nelle celebrazioni e nelle preghiere dei credenti.

Nella Bibbia, libro di Tobia, si legge che gli arcangeli sono coloro che siedono alla presenza di Dio, ne contemplano la gloria e lo lodano incessantemente. La Chiesa cattolica riconosce tre arcangeli:

La concezione cristiana degli angeli si fa risalire alla sistematizzazione che Dionigi Areopagita diede nella sua opera "De coelesti hierarchia" dell'angelologia biblica propria dei padri della chiesa che suddivide gli angeli in nove "cori" detti cori angelici:

Vi sono tre serie di schiere angeliche composte ciascuna da tre tipologie di Angeli i quali avrebbero funzioni, regole e compiti precisi. Vi è poi un angelo che ha il compito di distruggere questo mondo, si chiama Angelo dell'apocalisse. Nella tradizione gli viene attribuito il nome di Nemesis, ha un'ala nera e una bianca e nella sinistra tiene una spada senza lama che ha in sé il potere del bene e del male. Si narra che, quando sarà giunto il momento, egli dovrà distruggere il mondo con questa potentissima arma. Anche gli antichi Greci conoscevano queste schiere ma le denominavano in altro modo.

Nell'Islam

Muhammad e i suoi Compagni che avanzano alla conquista di Mecca. Gli angeli che li accompagnano sono Gabriele, Michele, Israfil e Azrail (da un manoscritto dell'opera biografica sul Profeta, il Siyer-i Nebi del 1595)

Nel Corano, il libro sacro per la religione musulmana, la riflessione attorno gli angeli si concentra spesso su due aspetti fondamentali: la loro natura e il loro ruolo nei rapporti con gli uomini.

Per l'Islamismo l'esistenza degli angeli è un atto di fede; nel Corano si distinguono tre specie di esseri celesti con funzioni e caratteristiche diverse. Ci sono gli angeli, i jinn (sorta di geni) e i diavoli (shayāṭīn). I primi hanno natura di luce, mentre jinn e demoni hanno sostanza di fuoco. Si differenziano inoltre per l'atteggiamento nei confronti dell'uomo. Gli angeli del Corano non differiscono da quelli dell'Ebraismo e del Cristianesimo, mentre i jinn hanno una funzione ambigua, dividendosi in un gruppo (maggioritario) più o meno nettamente ostile all'uomo e in un gruppo (minoritario) a lui benevolo, capace di proteggere luoghi e persone.
Tra questi ultimi si ricordano i qarīn, due esseri invisibili - uno miscredente e uno credente - che agiscono da "spiriti custodi" (Muhammad si dice avesse convertito il suo che era miscredente, rendendolo anch'esso spirito positivo) [1]. Caratteristica infatti dei jinn è di poter essere musulmani (e quindi benevoli) o non musulmani (e quindi ostili all'uomo).

Due angeli particolari, Munkar e Nakir, sono preposti ad un "interrogatorio" dei defunti, una volta deposti nella tomba. Le domande essenziali riguardano l'appartenenza o meno all'Islam ("chi è il tuo Dio?", "chi è il tuo Profeta?"). E nel caso che le risposte condannino il defunto, Munkar e Nakir lo percuotono violentemente cominciando a somministrargli un anticipo della punizione che verrà dopo il giorno del Giudizio.

Gli angeli hanno soprattutto il compito di servire Allāh, condurre gli uomini a Dio, portando la fede in terra, indicando le vie da seguire per ottenere il premio finale. La missione degli angeli, però, è sempre determinata dal volere di Dio, anche se gli angeli, come nel Cristianesimo, svolgono una funzione di "intercessione" presso Dio per gli uomini.

Va detto che secondo il portato dell'Islam, il Corano sia stato dettato letteralmente dall'arcangelo Gabriele a Muhammad, per conto di Dio. Il nome Gabriele significa: Kha-Bir-El = "Colui che brama - come l'acqua - Dio"; con il senso di indicare la passione di chi vuole ardentemente conoscere Dio, chi ha sete di Dio.

In New Age

Angeli per New Age e Teosofia

Nella New Age si pensa che gli Angeli o Deva o Elohim esistono, si può dire che per ogni cosa esistente nell’Universo ci sia un angelo a custodirla.

La prima considerazione da fare sugli Angeli è che essi non hanno mai avuto un corpo di carne. Cioè non conoscono la materialità, e quindi la loro essenza si manifesta nelle dimensioni superiori alla 6°.

Quindi tutti gli umani e gli extraterrestri di dimensione superiore alla 6a e quelli della federazione galattica e in genere della Fratellanza di Luce possono essere considerati angeli. Visto che nel gioco Universale i felinoidi fecero la parte del bene e crearono gli umani, anche i felinoidi possono essere considerati angeli.

Gli Angeli sono esecutori della Volontà Divina, non hanno il libero arbitrio. Sono stati creati all’inizio dei tempi di questa era, per eseguire la volontà di Dio senza poter scegliere. Qui c’è una considerazione abbastanza divertente da fare rivolta ai cattolici e alla chiesa. Siccome la chiesta stessa, dice che gli Angeli sono qui per eseguire la volontà di Dio senza poter scegliere, è interessante sapere secondo lei come avrebbe fatto allora Lucifero a decidere di tradire Dio… evidentemente non è andata proprio così… la nostra Bibbia va decisamente interpretata! Un'altra cosa molto importante da dire, è che gli Angeli possono assumere qualsiasi forma fisica per mostrarsi a noi, nei sogni, nelle visioni, nelle preghiere, e perché no anche nella realtà. In verità la forma dell'Angelo sarebbe semplicemente una sfera di Luce, una Merkaba, quello che in fondo siamo anche noi sotto la materia .

La rappresentazione mentale preferita dagli esseri umani su questi esseri è la classica con ali piumate e i capelli biondi. Se questa è la forma che più ci piace e più ci tranquillizza... il nostro Angelo prenderà quella forma... Il piano evolutivo in cui siamo coinvolti sia noi che i Deva si distingue in quattro punti principali, di cui noi stiamo vivendo il primo. Effettivamente pur essendo in due mondi differenti, gli angeli hanno lo stesso identico obiettivo dei membri della Lega Stellare nei confronti dell’umanità…

Punto 1°: Gli angeli devono convincere l’umanità della loro esistenza. Conoscendo i terrestri sarà il lavoro più difficile e che richiederà il massimo impegno da parte loro. È il momento del Piano che stiamo vivendo e tutti noi possiamo collaborare affrettandone la realizzazione.

Punto 2°: Quando la parte più evoluta dell’umanità, non avrà più dubbi sulla loro esistenza, essi suggeriranno i metodi per entrare in contatto con loro, permettendo a molti terrestri di dialogare. Anche questo punto è già in attuazione, sebbene con molta lentezza.

Punto 3°: Una volta stabilito un buon rapporto di fiducia e collaborazione, potrà scattare il punto successivo, cioè un programma di istruzione in grande stile concordato con le forze della Lega Stellare. Sotto la loro guida apprenderemo nozioni che rivoluzioneranno i nostri concetti di scienza, soprattutto nel campo della medicina, dell’alimentazione e dell’energia, ma anche nell’architettura, nella musica e nell’arte…

Punto 4°: Quando con il loro appoggio, il nostro modo di vivere sarà divenuto più evoluto e noi saremo meno prosaici e sanguinari, finalmente li vedremo fra noi. Questo accadrà non perché loro saranno diventati più materiali, ma viceversa perché noi ci saremo avvicinati al loro mondo spirituale. Avremo quindi raggiunto la dimensione successiva, l’amore Cristico…

Gli angeli per la New Age. I Sette Sigilli Arcangelici o Raggi di Luce, sono la manifestazione delle Potenze Divine. Attraverso simboli ammantati di vibrazioni celesti, sono racchiuse le porte di accesso alle potenze dei sette Arcangeli che nutrono la Vita fisica e spirituale, in ogni sua forma. Manifestazione significa il Verbo di Dio rivelato attraverso il Creato visibile. La vibrazione esprime una tonalità di energia Divina, che si caratterizza vibrando come una nota musicale, esprimendo quindi un’essenza universale, una Virtù. La Vibrazione è il Suono, è l’Onda, è il Colore, è il ritmo, immersa nell’Amore Universale. L’unica causa e l’unico effetto della Vibrazione Divina è l’Amore. Come si manifestano? L’Amore sulla Terra, attinge dalla sorgente Divina Cristica, manifestatasi in modo evidente con Gesù, ma non solo. Il centro pulsante dell’Energia Cristica dell’Amore, produce un fenomeno spirituale, simile al vostro fisico, chiamato rifrazione della Luce, che voi umani contemplate nell’Arcobaleno. Nell’immagine è visibile come verosimilmente nascono i Sette Raggi di Luce del Cuore di Dio.

Nella New Age, Dio Padre/Madre è la forza Creatrice Suprema. IL suo "Io Sono" che tutto comprende si manifesta in 3 grandi Aspetti o Entità delle quali soltanto 2 si manifestano: Lord Surea e Lord Kuwea. Questi è responsabile della Guida e direzione delle energie creatrici primarie che scorrono incessantemente e permettono al disegno Divino di manifestarsi. Insieme al suo Alto Fratello Spirituale Lord Surea veglia affinchè la creazione evolva secondo il Disegno Divino. Spetta a Lord Surea dirigere una miriade di “linee di derivazione celesti”, amministrazioni e consigli che seseguono il Disegno Divino come organi esecutivi del Creatore. Questi consigli sono riuniti nel “consiglio di Orione”. Lord Surea ha formato intorno a Sè un Cuore Santo, al quale appartengono i 6 Serafini Supremi: Lord Ananea, supremo messaggero di quell’Ordine celeste Sacro che rappresenta la Compassione Divina; Lord Azureal, rappresentante di quelle energie Creatrici Sacre che formano il mondo fisico del cosmo; Lord Betea, Supremo Messaggero dell’Ordine Celeste Sacro; Lord Cephetas, che guida quell’Ordine Celeste che comunica il Disegno Divino; Lord Immanuel Eleison, datore della Luce Azzurra che assicura la continuità della Creazione Divina; Lord Ezechiel, che riveste la Saggezza Divina di Lord Surea nell’intera Creazione. Questa strettissima regione intorno all’Alto Trono di Dio, è definita Grande Loggia Azzurra della Creazione A-E-O-N. La Grande Loggia Azzurra nel sistema Sirio riceve da Lord Immanuel quella Luce Azzurra che assicura la continuità dellla Creazione e dirige questa Luce Divina verso miriadi di ordini, ognuno con il suo ruolo nel Disegno Divino, presenti nel Cosmo intero. Questa Alta Loggia Divina è diretta dal Consiglio dei Nove, presieduto da Lord Aescapulus.

In Ufologia

Immagine artistica degli Esseri di luce in forma umana
Immagine artistica degli Arconti, esseri energetici grigi, nel senso di sia angeli che demoni

In Ufologia si pensa che gli angeli siano alieni benefici. Si pensa che tutte le razze dell'Universo, evolvendo e salendo di frequenza (vedi dimensione astrale), arrivano a diventare angeli energetici (dalla sesta dimensione in avanti).

Quindi tutti gli umani e gli extraterrestri di dimensione uguale o superiore alla 6a e quelli della federazione galattica e in genere della Fratellanza di Luce possono essere considerati angeli. Visto che nel gioco Universale i felinoidi fecero la parte del bene e crearono gli umani, anche i felinoidi possono essere considerati angeli.

Gli Arconti sono un livello superiore, grigio (50% buoni 50% cattivi) per cui sono sia angeli che demoni. Comunque sono sottoposti a Dio.

Gli esseri di luce (sembra di 4a e 5a dimensione), durante le loro rarissime apparizioni, si sono mostrati in tre modi: o come blocco indistinto di luce brillantissima o come qualcosa di "vivo ma amorfo", che tende ad assomigliare vagamente ad una figura umana che irradia una forte luce tutto attorno o come essere umanizzato solo nella parte superiore, senza lineamenti sul viso e con un'aureola di luce più intensa. Chiaramente, quest'ultimo tipo di apparizione rappresenta gli esseri angelici che si muovono nello spazio svolazzando lievemente, quasi fluttuando a pochi centimetri da terra. Questi esseri sarebbero in grado di comunicare telepaticamente e trasmettere sensazioni di un grande benessere. Il Lux non è altro che un essere vivente di Plasma e che in alcune risacche di nebulose nelle Galassie, trova gli elementi di base costituiti dalla materia, capace di generare forme di energia intelligente. Nel corso dell’evoluzione dell’Universo, queste forme energetiche hanno sviluppato una loro capacità vitale, totalmente diversa da quella che si sviluppa all’interno di un pianeta in grado di ospitare la vita, dove il Cosmo stesso e lo spazio sono la “casa” in cui nascere ed esistere. L’alieno Lux è un estremo tentativo del Demiurgo Secondo o Oscuro di gettare una base di forma di vita alternativa nel nostro Universo, un modo per dare sostanza ad un essere creato della sua stessa materia, di generarsi e di agire attraverso il suo operato nel Cosmo dove un domani spera di ritornare. Non essendone però collegato direttamente, il Lux ha avuto una propria evoluzione ed una propria indipendenza dalla volontà formatrice che lo ha generato, e la particolarità di trovarsi negli elementi base della creazione, sparsi in tutto l’Universo, lo rende capace di formarsi in qualsiasi galassia e nelle stesse modalità. Il Lux è come un cancro che si auto-rigenera, un cancro talmente diffuso che è in grado di nascere e formarsi in ogni angolo dell’Universo conosciuto con le stesse proprietà, con cui i tumori si formano uguali in tanti corpi umani o animali diversi; come ogni tumore porta la materia che lo genera alla morte perché al tempo stesso la consuma totalmente.

Nella classificazione Soave sarebbero alieni energetici positivi. Cioè sarebbero alieni positivi (affiliati alla fratellanza di Luce, per questa galassia alla federazione galattica) di sesta dimensione o superiore. Cioè per esempio felinoidi, canidi, andromediani di 6a e arturiani di 7a.

Per estensione anche gli alieni fisici positivi (FG) di sviluppo tecnologico superiore al nostro. Cioè alieni positivi tra 3a e 5a comprese. Per esempio anunnaki, nordici, siriani, bellatrixiani, andromediani di 5a o meno, alpha ceu, clarion, blu, iargani, ibisiani, lemuri, lyriani, mintakans, monoceros, pegasiani, polipoidi, tau cetians, scimmie pelose, procion. Si pensa si cibino dei nostri sentimenti positivi (amore, generosità, amicizia, ecc), vedi teoria alimentare sugli alieni.

Note

1^ Shiblī, Ākām al-murjān fī aḥkām al-jānn, ed. dello šaykh Qāsim al-Šammā‘ī al-Rifā‘ī, Beirut, Dār al-Qalam, 1988, cap. X.

Voci correlate

Collegamenti esterni

https://it.wikipedia.org/wiki/Angelo

link

http://it.wikipedia.org/wiki/Jophiel

http://it.wikipedia.org/wiki/Camaele

link

link

http://it.wikipedia.org/wiki/Uriel

http://it.wikipedia.org/wiki/Zadkiel

http://it.wikipedia.org/wiki/Metatron

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Menu principale
Strumenti