Pianeta X

Da Ufopedia.

Illustrazione del Pianeta X

Il pianeta X (o pianeta transplutoniano, o decimo pianeta, che può essere indicato anche come Sole IX nove o Sole l elle) è un pianeta ipotetico al di là di Plutone. La sua esistenza fu ipotizzata sulla base di apparenti discrepanze nell'orbita di Nettuno. Un nome comunemente utilizzato per questo eventuale pianeta era Persefone, sebbene esso sia già stato assegnato ad un asteroide.

Oggigiorno il decimo pianeta viene considerato un falso problema: le scoperte nel sistema solare esterno si moltiplicano, e numerose fasce di asteroidi e altri oggetti vengono delineate. A partire proprio da Plutone, numerosi oggetti - per i quali si è coniata la definizione di oggetto trans-nettuniano - orbitano attorno al Sole e fanno svanire la distinzione tra pianeti ed asteroidi (lo stesso Plutone, il 24 agosto 2006, è stato declassato da nono pianeta a pianeta nano, e cioè semplicemente il maggiore, o uno dei maggiori, di questi oggetti e per questo il Pianeta X è anche chiamato Pianeta 9).

Ciò non evita naturalmente che ogni nuova scoperta venga salutata come quella del decimo pianeta. Nel 2004 alcuni lo identificarono con Sedna. All'inizio del 2006 la notizia che Eris superasse Plutone per dimensioni suscitò grande clamore nella stampa. La ragione dell'attesa della scoperta del Pianeta X dipende dal fatto che ci si aspetta (traendo spunto dalla letteratura sumera) un pianeta dalla massa 2-3 volte quella terrestre (vedi pianeta Nibiru).

Alcuni seguaci della teoria dell'esistenza di questo pianeta, hanno sostenuto che il Pianeta X sarebbe stato visibile a occhio nudo a partire dal maggio 2011 nelle aree del cielo con declinazione Sud di -30°. Al maggio 2012, nessun avvistamento da nessuna parte del pianeta è stata confermata nei media tradizionali (organi di stampa, tv, ecc). Secondo coloro che danno credito alla teoria del complotto, il Vaticano (in collaborazione con la NASA e la Lockheed Martin) avrebbe inviato la sonda spaziale Siloe per ottenere delle immagini di prima mano. Per quanto riguarda i dati verificabili da tutti, alcuni sostengono che un'aumento repentino della frequenza dei terremoti possa essere un'indice della prossimità del Pianeta X alla Terra, ma non ci sono studi approfonditi al riguardo. Per un'analisi il più possibile rigorosa però, bisognerà vedere le statistiche mondiali relative ai terremoti e non farsi prendere dal panico di una scossa vicina, che può essere episodica. Se la teoria dell'avvicinamento del Pianeta X è corretta, i terremoti dovrebbero continuare e aumentare fino a che Nibiru sarà visibile ai telescopi e forse anche a occhio nudo. Allora, se e quando succederà, avverrà il "disclousure UFO" e si intavoleranno le trattative con l'ONU per fare entrare la Terra nella Federazione galattica.

Visto che due sole volte Nibiru ha toccato la Terra (la prima cocciandola proprio e dandole acqua e vita, la seconda sfiorandola ma col diluvio universale), quando arrivera' se non ci cocciera' comunque ci potrebbero essere terremoti o inondazioni date da repentino aumento dei livelli dei mari, magari da crollo in mare dei ghiacci artici. Puo' essere pero' che Nibiru oggi abbia motori e capacita' di navigazione e quindi che ci eviti. Comunque è evidente che il pericolo ci sarà sempre, quindi si consiglia la gente ad avere una casa in alta collina o in montagna, visto che per innalzamento delle temperature o arrivo di pianeti che fan crollare i ghiacci artici ed antartici in mare, ci potranno essere innalzamenti permanenti del livello del mare con conseguente arretramento delle coste e distruzione delle città costiere. E i governi di USA, Europa, Russia, India e Cina e' meglio che facciano grandi città sotterranee sotto il livello dei metrò nelle grandi città continentali (non costiere), valide in caso di grandi terremoti e/o tzunami costieri. D'altra parte Jelaila Starr dice che il Pianeta X (Nibiru) è abitato e dotato di motori per spostarsi autonomamente, quindi anche se fosse in dirittura di arrivo potrebbe benissimo virare coi propri motori e non cocciarci (così evitando danni anche a sé).

Indice

Ragioni dell'esistenza del pianeta X

Molti astronomi, alla fine del XIX secolo, ipotizzavano l'esistenza di un Pianeta X. La ragione di questo entusiasmo era che, meno di 50 anni prima, il pianeta Nettuno era stato scoperto seguendo le indicazioni dei matematici John Couch Adams e Urbain Le Verrier, che basarono i loro calcoli su discrepanze delle orbite di Urano, Saturno e Giove.
Secondo il loro ragionamento, se un pianeta era stato sorprendentemente scoperto solo calcolando le differenze tra orbite teoriche e reali dei pianeti già noti, allora c'era una reale possibilità che gli errori nell'orbita di Nettuno potessero essere spiegati da un nuovo pianeta, ignoto. Venne infatti scoperto il pianeta Plutone, ma ci si accorse che la sua massa era troppo basso per giustificare le perturbazioni gravitazionali presenti. La ricerca del Pianeta X sarebbe, quindi, ancora aperta.

La ricerca del Pianeta X

Percival Lowell, che è meglio noto come proponente dei canali su Marte, chiamò questo ipotetico pianeta "Pianeta X" (X sta per ignoto, e per coincidenza è anche il numero dieci in numeri romani). Compì due ricerche separate senza successo; la prima finì nel 1909, la seconda cominciò nel 1913, dopo avere revisionato la sua predizione sull'ipotetica posizione. Questa ricerca finì nel 1915, dopo di che pubblicò i suoi parametri teorici per il Pianeta X. Ironicamente, nello stesso anno furono registrate al suo osservatorio due deboli immagini di Plutone, ma esse non furono riconosciute come tali fino alla scoperta di Plutone, nel 1930.

Conclusione apparente della ricerca

Le apparenti discrepanze gravitazionali furono risolte quando la sonda spaziale Voyager 2 scoprì che la massa di Nettuno era stata calcolata male. Prendendo in considerazione la nuova massa di Nettuno, non c'era più bisogno di nessun pianeta ignoto per spiegarne l'orbita. In ufologia, però, si diffida delle informazioni non verificabili fornite dalla NASA, in quanto si sospetta il sistematico insabbiamento delle informazioni riguardanti gli extraterrestri e Nibiru (l'ipotetico Pianeta X). Tuttavia sembra che la fondazione Rothshild abbia finanziato la costruzione di un radiotelescopio (il South Pole Telescope) in antartide proprio per avere le immagini di Nibiru in avvicinamento alla Terra. Il timore di rivolgimenti climatici ha spinto la Russia alla costruzione di bunker sotterranei e l'Unione Europea a costruire un magazzino per le sementi (lo Svalbard Global Seed Vault).

Le teorie di Zecharia Sitchin

Zecharia Sitchin, un traduttore dal sumero, dice di aver trovato dei riferimenti nella mitologia sumera ad un pianeta che ha tutte le caratteristiche del Pianeta X: il pianeta Nibiru con le sue sette lune (I sette Venti).

La ricerca di possibili pianeti X

Le attuali tecniche di scoperta più potenti sono in grado di scoprire pianeti delle dimensioni della Terra a 70 unità astronomiche di distanza dal Sole, delle dimensioni di Urano a 90 UA, e delle dimensioni di Giove a 120 UA (trascurando i suoi effetti gravitazionali sul Sole). Per confronto, la distanza media di Plutone dal Sole è pari a 39,5 UA.

Naturalmente il cielo è molto grande, e anche il più potente telescopio può scandagliarne solamente una piccolissima frazione alla volta.

Se davvero esiste un pianeta di grosse dimensioni nel sistema solare esterno, è improbabile che sia nativo del Sistema Solare: sono stati intrapresi esami esaurienti sull'eclittica, concludendo che in tale regione non esiste nessun pianeta di taglia simile alla Terra (o più grande) entro 60 UA. Perciò un decimo pianeta dovrebbe essere in un'orbita estremamente inclinata, e in quel caso sarebbe probabilmente un oggetto catturato e non uno formatosi col sistema solare. Sono stati scoperti numerosi oggetti più piccoli di Plutone ma più grandi di Cerere, come Sedna e Orco, ma questi non sono l'obiettivo della ricerca, ed attualmente sono considerati troppo piccoli per essere chiamati pianeti.

Va tuttavia notato che quanto detto vale se si considerano pianeti relativamente vicini al Sole: si tenga conto infatti che la stella più vicina si trova ad una distanza dell'ordine di 1x105 UA e si valuti la quantità di spazio disponibile per alloggiare uno o più pianeti oltre a quelli noti.

Inoltre la luminosità di un corpo che non emette luce propria (e che quindi è visibile grazie alla luce riflessa dal Sole) decresce a tali distanze con la quarta potenza della distanza dal Sole (o, che è lo stesso, dalla Terra), diventando quindi rapidamente invisibile se la sua distanza al perielio risulta sufficientemente grande.

Eris

Il 29 luglio 2005 è stata annunciata la scoperta di Eris, il primo oggetto della fascia di Kuiper caratterizzato da dimensioni superiori rispetto a quelle di Plutone. Al momento della scoperta Eris si trovava a 97 UA dal Sole; l'oggetto presenta un'inclinazione orbitale di 44° sull'eclittica. Va precisato che una scoperta del genere era da tempo attesa, visto il proliferare di oggetti trans-nettuniani recentemente scoperti.

Galleria immagini

Su You Tube

aahttps://www.youtube.com/watch?v=llSGv2tg_OE

aahttps://www.youtube.com/watch?v=nNbVRRA0dms

aahttps://www.youtube.com/watch?v=jUHM9wnL3Jc

aahttps://www.youtube.com/watch?v=SP-2aF84L2A

aahttps://www.youtube.com/watch?v=64lkwRLO9CY

Il pianeta X nella finzione

Voci correlate

Collegamenti esterni

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Menu principale
Strumenti